CHI SIAMOSOSTIENI APPASSIONATA5 X MILLEARCHIVIO STAGIONIRASSEGNE STAMPACONTATTI e NEWSLETTER
Trio Kanon
Trio Kanon
Concerto del Capodanno Cinese

venerdì 24 gennaio 2020 - ore 21

Macerata - Luogo da definire

Diego Maccagnola
pianoforte

Lena Yokoyama
violino

Alessandro Copia
violoncello

BIGLIETTI ONLINE NON ANCORA DISPONIBILI

Chen Yi (1953 - )
Tibetian Tunes, for Piano Tri

Antonín Dvořák (1841 - 1904)
Trio in mi minore N.4 Op.90 “Dumky”

* * *

Bright Sheng (1955 - )
Four Movements for Piano Trio

Maurice Ravel (1875 - 1937)
Trio in la minore

Realizzato in collaborazione con



 

Trio Kanon

Il Trio Kanon  (il nome, oltre ad avere assonanza con il Canone, è anche l'unione di due parole giapponesi: “Ka”, fiore e “On”, musica, quindi letteralmente “musica fiorente”) nasce nell’estate del 2012 dall’amicizia di tre musicisti che hanno deciso di condividere la loro passione per la musica da camera studiando sotto la guida del Trio di Parma (Alberto Miodini, Ivan Rabaglia, Enrico Bronzi), presso l’International Chamber Music Academy di Duino, fondata dal Trio di Trieste nel 1989.
Lena ed Alessandro provengono da un percorso di studio comune presso la prestigiosa Accademia per strumenti ad arco W. Stauffer di Cremona, essendosi perfezionati, rispettivamente, con il Maestri Salvatore Accardo e Rocco Filippini; Diego invece ha completato la sua formazione diplomandosi in pianoforte con Maria Grazia Bellocchio e in musica da camera con Rocco Filippini presso l'Accademia S. Cecilia di Roma.
Il Trio Kanon si è affermato a livello internazionale vincendo il 1° Premio, il Premio del Pubblico e Premio Speciale “Cerutti–Bresso” nell’International Chamber Music Competition di Pinerolo e Torino Città Metropolitana 2018. Precedentemente il trio si era aggiudicato il 2° Premio, con Primo non assegnato, nell’ OnStage International Chamber Music Competition 2017, il Premio Speciale della giuria nell’International Brahms Competition di Poertschache il 1° Premio e il Premio del Pubblico nel Rospigliosi Chamber Music Competition 2015.
Nel 2014 è stato miglior gruppo nella Trondheim International Chamber Music Academy for Piano Trios e nel 2015 ha vinto il “Chamber Music Award” come miglior ensemble presso l’Internationale Sommer Akademie Prag-Wien-Budapest, prestigioso riconoscimento patrocinato dall’Haydn Institute e dalla “University of music and performing arts” di Vienna.
Il Trio Kanon si è esibito in numerosi concerti: in Italia presso il Teatro La Fenice di Venezia, il Palazzo Gromo Losa di Biella, gli Studi Rai di Trieste, la Sala Casella dell’Accademia Filarmonica Romana, il Ridotto del Teatro Verdi di Trieste per la Società dei Concerti, il teatro Vittoria di Torino per l’Unione Musicale, la Cappella Paolina per i Concerti del Quirinale, il nuovo Auditorium “G. Arvedi” di Cremona, Palazzo Ducale e Palazzo Te a Mantova durante il Mantova Chamber Music Festival, all’estero in Inghilterra, Croazia, Austria, Norvegia, Cina, Stati Uniti e Giappone, riscuotendo ovunque successo di pubblico e di critica.
Nel 2014 il Trio Kanon è stato ammesso ai corsi tenuti da Alexander Lonquich presso l'Accademia Chigiana di Siena, ottenendo il Diploma di Merito; ha  inoltre seguito le masterclass di Robert Cohen presso Snape Maltings (UK), di Hatto Beyerle, Miguel da Silva e Annette von Hehn (Atos Trio) presso la Trondheim Chamber Music Academy 2014 (Norvegia), di Avedis Kouyoumdjian, Anita Mitterer, Péter Nagy, il Talich Quartet presso i corsi estivi di Semmering e Reichenau an der Rax (Vienna) e di Oliver Wille presso il Centro Europeo di Musica da Camera ProQuartet di Parigi e l’Internationale Konzertarbeitswochen di Goslar (Germania).
Nel febbraio 2015 il Trio è stato invitato come “gruppo in residence” a Snape Maltings (UK) per il prestigioso Festival “Aldeburgh Music 2015”, con due concerti per la stagione primaverile presso la Jubilee Hall.
Nel 2019 è stato protagonista di una fortunata tournée in Giappone, con recital presso il Music Salon Amadeus di Kobe e la celebre Phoenix Hall di Osaka e culminata con il Triplo Concerto di Beethoven accompagnato dalla Sereno Chamber Orchestra presso l’Auditorium dell’Aqua Cultural Centerdi Toyonaka.
Ha inciso per la rivista Amadeus e per Movimento Classical musiche di Beethoven e per Warner Italia musiche di Brahms e di Dvořák.

 


 

Diego Maccagnola

Allievo di Maria Grazia Bellocchio presso l’Istituto Musicale “G. Donizetti” di Bergamo, ha conseguito sotto la sua guida il Diploma in Pianoforte col massimo dei voti e il Diploma accademico di II livello in Discipline Musicali con lode.
Ha frequentato Master class di pianoforte con docenti di fama internazionale quali Massimiliano Damerini, Sergei Dorensky, Paolo Bordoni e Benedetto Lupo.
Si è perfezionato in Musica da Camera all’Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma con Rocco Filippini e presso l’Accademia Chigiana di Siena con Alexander Lonquich.
Premiato in numerosi concorsi pianistici nazionali, si è esibito come solista o in formazioni da camera in importanti Rassegne e Festival italiani e stranieri, quali la Società dei Concerti di Milano e Milano Classica, la Stagione cameristica del Teatro La Fenice di Venezia, La Società dei Concerti di Trieste, l’Unione Musicale di Torino, l’Emilia Romagna Festival, l’Accademia Filarmonica Romana, il Festival Plateaux di Vitry sur Seine (Parigi) e in sale concertistiche quali il Teatro Ponchielli di Cremona, il Teatro Comunale di Ferrara, l’Auditorium Parco della Musica e il Teatro Valle di Roma, il Teatro Vittoria di Torino, il “Théatre entre des Bords de Marne” e “Jean Vilar-Vitry sur Seine” di Parigi, la Maison Natale de C. Debussy, la Maple Hall di Osaka (Giappone) e il Parkview Green Museum di Pechino (Cina).
Dal 2003 al 2008 ha collaborato con il coreografo e danzatore fiorentino Virgilio Sieni, con il quale ha portato in tournèe in Italia e all'estero due tra le sue più importanti opere coreografiche, "Solo Goldberg improvisation" e "Sonate Bach", eseguendo con successo di pubblico e di critica le Variazioni Goldberg e le Sonaten für Viola da Gamba und Klavier di J.S.Bach.
Ha inciso musiche di Mozart per l’etichetta “Discantica" e musiche di Beethoven per “Movimento Classical” e per la rivista “Amadeus”.
Nel dicembre 2017 è stato protagonista di una fortunata tournèe in Giappone, suonando con successo il Primo Concerto di Beethoven con la Sereno Chambers Orchestra presso l’Aqua Cultural Center di Toyonaka e insieme al Trio Kanon presso il Music Salon Amadeus di Kobe e la Petit L-Hall di Osaka.
È membro fondatore, insieme alla violinista Lena Yokoyama e al violoncellista Alessandro Copia, del Trio Kanon, ensemble perfezionatosi con il Trio di Parma e con docenti di fama internazionale nelle maggiori Accademie Europee di musica da camera. Nel 2018 il Trio Kanon ha vinto il Primo Premio e due premi speciali nell’International Chamber Music Competition di Pinerolo e Torino Città Metropolitana.
Diego Maccagnola affianca ad un’intensa attività didattica e concertistica come pianista, quella di maestro di coro.
Dal 1998 è cantore e assistente alla direzione nelle produzioni del Coro Costanzo Porta di Cremona e Dal 2007 collabora con il Circuito Lirico Lombardo in qualità di Maestro del Coro.
Dal 2000 insegna pianoforte ed esercitazioni corali presso la Scuola di Musica e Canto Corale “Costanzo Porta” di Cremona.
È docente di Pratica Pianistica presso l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Vecchi Tonelli” di Modena.
Dal 2007 suona in Duo con la violinista Lena Yokoyama, riscuotendo successo di pubblico e apprezzamenti di critica.

 


 

Lena Yokoyama

Nata ad Osaka (Giappone), Lena Yokoyama ha iniziato gli studi di violino nella sua città sotto la guida dei suoi genitori, Kango Yokoyama e Reiko Shimizu, e successivamente con Nandor Szederkenyi, ex spalla della Century Orchestra di Osaka. Trasferitasi in Italia nel 2006, si è diplomata in violino col massimo dei voti e la lode presso l’Istituto Musicale Pareggiato “Claudio Monteverdi” di Cremona.
Ha seguito i corsi di violino con Salvatore Accardo e di musica da camera con Alexander Lonquich presso l’Accademia Chigiana di Siena, ha studiato con Ivan Rabaglia presso l’Accademia S. Cecilia di Portogruaro.
Dal 2011 al 2015 ha frequentato la classe di Salvatore Accardo presso l’Accademia di Alto Perfezionamento Walter Stauffer di Cremona.
Ha tenuto recital solistici e cameristici in diversi teatri italiani, tra cui il Teatro Ponchielli e l’Auditorium Giovanni Arvedi (Cremona), la Sala degli Specchi di Palazzo Chigi Saracini (Siena), il Teatro Romano di Aosta, il Teatro Alighieri di Ravenna, l’Auditorium William Walton di Ischia, l’Auditorium Gaber di Milano per La Società dei Concerti, il Teatro Vittoria di Torino, il Teatro Petruzzelli di Bari, il Teatro La Fenice di Venezia e l’Aula Magna del Conservatorio Tartini di Trieste.
Ha suonato in Giappone, Cina, Stati Uniti, Inghilterra, Lettonia, Croazia, Slovenia, Austria, Germania, Norvegia, Francia e Belgio.
Tra i Festival più importanti in cui si è esibita, figurano il Ravenna Festival, il Festival Monteverdi e lo Stradivari Festival di Cremona, l’Unione Musicale di Torino, il Festival di Camerino, l’Amelia Festival, Mantova Chamber Music Festival, l’Amiata Piano Festival, la Stagione dell’Accademia Perosi, il Trondheim International Chamber Music Festival e il Festival della Valle d’Itria, lo Stresa Festival e il Festival Internazionale di Portogruaro.
In qualità di solista, ha vinto numerosi premi in concorsi nazionali e internazionali (tra cui il Primo Premio al Concorso Internazionale Premio Crescendo 2010 e il Secondo Premio nel Concorso Internazionale AGIMUS 2009).
Lena Yokoyama ha collaborato suonando in programmi cameristici con musicisti quali Rocco Filippini, Konstantin Bogino, Maria Grazia Bellocchio, Vincenzo Bolognese, Salvatore Quaranta, Annette von Hehn e Silvia Chiesa.
Ha suonato nell’Orchestra da Camera Italiana (OCI), diretta da Salvatore Accardo, l’Orchestra da Camera di Mantova diretta da Carlo Fabiano, l’Orchestra da Camera di Brescia guidata da Filippo Lama, il Divertimento Ensemble diretto da Sandro Gorli, Sentieri Selvaggi diretti da Carlo Boccadoro e l’Orchestra Cremona Antiqua (strumenti originali) diretta da Antonio Greco.
Ha collaborato in qualità di violinista di spalla con il Perosi Ensemble di Biella e la Sereno Chember Orchestra di Osaka (Giappone).
È membro fondatore, insieme al pianista Diego Maccagnola e al violoncellista Alessandro Copia, del Trio Kanon, ensemble perfezionatosi con il Trio di Parma e con docenti di fama internazionale nelle maggiori Accademie Europee di musica da camera. Nel 2018 il Trio Kanon ha vinto il Primo Premio e due premi speciali nell’International Chamber Music Competition di Pinerolo e Torino Città Metropolitana.
Lena Yokoyama Insegna Musica da camera e Musica d'insieme per strumenti ad arco presso l'Istituto Superiore di Studi Musicali “Claudio Monteverdi” di Cremona e violino presso l'Istituto di Istruzione Superiore “A. Stradivari” di Cremona.
Dall'anno 2018 è stata invitata a collaborare in qualità di musicista nelle classi di costruzione di IV e V liuteria dell'Istituto “A. Stradivari” di Cremona.
Insegna violino presso la Scuola di Musica e di Canto Corale Costanzo Porta di Cremona dal 2012.
Dal novembre 2013 è incaricata dalla Fondazione Stradivari di effettuare pubbliche audizioni con gli strumenti conservati nella preziosa collezione del Museo del Violino di Cremona, suonando violini di Antonio Stradivari (Clisbee 1669, Joachim-Ma 1714, Cremonese 1715, Vesuvio 1727, Lam ex Scotland University 1734), Guarneri “del Gesù” (Stauffer 1734, Principe Doria 1734), Nicolò Amati (Lam ex Collin 1669) e Santo Serafino (1749 il violino della collezione di Stato della Federazione Russa).
Nel 2017 ha suonato il violino “Stradivari Vesuvio 1727” presso la sede del Parlamento Europeo di Bruxelles in rappresentanza della città di Cremona in occasione dei 450 anni della nascita di Claudio Monteverdi.
Ha inciso per la rivista “Amadeus” e per l’etichetta “Movimento Classical” musiche di L. v. Beethoven.
Nel marzo 2019 è uscito il nuovo CD del Trio Kanon "Brahms & Dvorak Piano Trios" per l’etichetta Warner Music Italy.
Suona un violino J. C. Gigli del 1752 ed un Eva & Christo Marino del 2015.

 


 

Alessandro Copia

Ha iniziato i suoi studi musicali all’età di quattro anni presso il Suzuki Talent Center di Torino.
Diplomato in violoncello presso il Conservatorio “G.Verdi” di Torino si è perfezionato a Lugano con Robert Cohen ottenendo nel 2010 il Master of Arts in Music Performance.
Nel 2009 ha ottenuto il diploma accademico di Santa Cecilia in Musica d’Insieme e il diploma di perfezionamento presso l’accademia “W.Stauffer” di Cremona con R. Filippini.
Sostenuto da borse di studio da Fondazione Crt di Torino e “Williamson Foundation for Music” California USA è vincitore di numerosi premi tra cui il primo premio al concorso “Città di Giussano” , al concorso internazionale “Isole Borromee” ed al concorso internazionale “Pontinvrea”; nel 2005 riceve il primo premio al concorso violoncellistico “Dino Caravita” di Fusignano (Ravenna).
Impegnato in un’intensa attività concertistica ha suonato a Roma, Milano, Mulhouse (FR), Haverhill (GB), Venezia, Trieste, Udine, Lugano (CH) e Torino mostrando particolare sensibilità, sin dalla giovane età, per la musica da camera e collaborando con artisti quali L.Marzadori, F. Dego, R. Turku, Pavel Berman, Kostantin Bogino e Victor Chestopal.
Si è esibito in veste di solista con l’Orchestra giovanile Aloisiana, con l’orchestra d’archi del Conservatorio G.Verdi di Torino a Wittenheim (Francia), con l’Orchestra Universitaria del Conservatorio della Svizzera Italiana a Lugano, con l’orchestra “F. J. Haydn” di Legnano e recentemente con il Perosi Ensemble, suonando il doppio Concerto di Vivaldi RV 531 con Robert Cohen.
Dopo importanti esperienze orchestrali con enti quali il Teatro Regio di Torino, la OSN Rai di Torino, l’orchestra «Haydn» di Bolzano e Trento e la Royal Liverpool Philarmonic Orchestra, suonando sotto la direzione di Muti, Chailly e V. Petrenko, fonda nel 2012, con il pianista Diego Maccagnola e la violinista Lena Yokoyama, il Trio Kanon, formazione con il quale segue i corsi di perfezionamento con il Trio di Parma presso Scuola Superiore del Trio di Trieste, con A. Lonquich presso l’Accademia Chigiana di Siena e con Robert Cohen presso Snape Maltings (UK) e l’Accademia Perosi di Biella.
Finalista, nel 2014, del concorso Internazionale di musica da camera di Cheesapeake (MD – USA), il Trio Kanon viene successivamente selezionato tra i quattro gruppi ammessi alla International Music Academy for Piano Trios di Trondheim, in Norvegia, dove frequenta le masterclasses di Hatto Beyerle, Miguel da Silva e Annette von Hehn. Nel 2018 il Trio Kanon viene insignito del Primo Premio Assoluto, del premio speciale «Cerutti Bresso» e del premio del pubblico all’International Chamber Music Competition di Pinerolo.
Il Trio è impegnato in un’intensa attività musicale e si è esibito nei maggiori festival di musica da camera in Italia e all’estero, tra cui il Festival Musicale di Portogruaro, la Società dei Concerti di Trieste, la Rassegna cameristica del Teatro La Fenice di Venezia, il Mantova Chamber Music Festival, l’Accademia Filarmonica Romana, l’Unione Musicale di Torino e all’estero in Francia, Germania, Croazia, Regno Unito, Austria, Norvegia, Stati Uniti, Cina e Giappone.
Ha inciso per la rivista Amadeus e per l’etichetta Movimento Classical.
Nel 2017 Alessandro ha collaborato con il Museo del Violino di Cremona esibendosi regolarmente in pubblico con il violoncello Stradivari “Chigiano”.
È stato docente di musica da camera presso il Conservatorio di Livorno.