CHI SIAMOSOSTIENI APPASSIONATA5 X MILLEARCHIVIO STAGIONIRASSEGNE STAMPACONTATTI e NEWSLETTER
Trio di Imola
Trio di Imola

giovedì 07 novembre 2019 - ore 21

Teatro Lauro Rossi Macerata

Angioletta Jannucci Cecchi
violino

Maria Cristina Mazza
violoncello

Marianna Tongiorgi
pianoforte

 

Wolfgang Amadeus Mozart (1756 - 1791)
Trio in Do maggiore KV548
Allegro - Andante cantabile - Allegro

Arvo Pärt (1935 - )
Adagio

* * *

Johannes Brahms (1833 - 1897)
Trio in Si maggiore Op.8 N.1
Allegro con brio - Scherzo. Allegro molto - Adagio - Allegro

 



 

Trio di Imola

Genuine. Entusiaste. Innamorate della musica. Sono le tre protagoniste de il Trio di Imola che si sono trovate dopo aver compiuto i loro percorsi formativi individuali in Italia, Germania e Austria. Insieme, in veste cameristica, sono così diventate ambasciatrici della cultura musicale mitteleuropea, fondamentale per il repertorio di questa formazione.
La loro esperienza singola trascende però i confini europei. Si sono infatti esibite – dal Teatro alla Scala fino alla Suntory Hall di Tokyo- nei più importanti teatri di tutti i continenti. Avendo avuto il privilegio – e, non dimentichiamolo, il piacere – di suonare con le più importanti compagini orchestrali sotto la direzione dei più grandi Maestri, da Muti a Temirkanov, da Maazel a Masur, portano all’interno del repertorio cameristico gli insegnamenti di una scuola che comprende la formazione acquisita con i più alti vertici della musica classica.
Il Trio di Imola si è costituito all’interno dell’Accademia “Incontri col Maestro” nel 2015 grazie al Maestro Nazzareno Carusi, che fin dall’inizio ha affermato: “Le tre ragazze sommano a una grande bravura tecnica un’ancora maggiore musicalità. Se continueranno così e resteranno tra di loro le amiche affezionate che sono oggi, il mondo della musica avrà un nuovo e straordinario Trio”.
I fatti gli hanno dato ragione. Il Trio ha ottenuto, nel marzo 2016, il primo premio al concorso internazionale “Città di Rimini”, nel novembre 2016 il primo premio assoluto al concorso “European Music Competition Città di Moncalieri” e nel maggio 2017 il primo premio al concorso internazionale “Musica Insieme 96” di Asti. Invitato regolarmente dalle più importanti stagioni concertistiche di diverse città italiane come Milano, Ravenna, Ferrara, Firenze, Torino, Pesaro, Imola e Bologna, il Trio di Imola ha sempre ottenuto, insieme ad un grande successo di pubblico e di critica, l’invito per le stagioni successive.
Il suo repertorio spazia da Haydn fino ai giorni nostri, abbracciando i capisaldi della letteratura di questa formazione.

 


 

Angioletta Jannucci Cecchi

Ha iniziato giovanissima lo studio del violino al Centro Suzuki della sua città, con Fiorenza Rosi e la supervisione del M.° Antonio Mosca. All’età di nove anni ha vinto il concorso internazionale: “Un violino per sognare” a Senigallia, grazie al quale ha potuto frequentare per un anno la master class di violino tenuta dal Maestro Vadim Brodsky.
Ha conseguito il diploma di violino, sotto la guida del M° Antonio Bigonzi, presso il Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro con il massimo dei voti e la lode. Presso il medesimo Conservatorio ha eseguito, come solista, il concerto di J.S. Bach in la minore, il concerto di L. V. Beethoven in re maggiore, il doppio concerto di Brahms per violino e violoncello (violoncellista: Alberto Casadei) in la minore e il concerto in re maggiore di Brahms.
Ha studiato presso l’Universitat für Musik und Darstellende Kunst di Vienna nell’ambito di un progetto Erasmus, nella classe di Dora Schwarzberg e della sua assistente Lucia Hall. Nel 2010 è stata selezionata come spalla dei primi violini nell’Orchestra Giovanile Italiana (O.G.I.) e dal mese di aprile dello stesso anno appartiene anche all’Orchestra dell’Accademia Mozart di Bologna. Come primo violino della Orchestra Giovanile Italiana ha suonato sotto la guida dei Maestri Riccardo Muti, Gabriele Ferro, Jonathan Webb e Andrea Battistoni.
Ha eseguito L’Histoire Du Soldat di Stravinskij (Direttore M° Nicola Paszkovski e musicattore Luigi Maio al Teatro della Pergola di Firenze). Come primo violino dell’Orchestra dell’Accademia Mozart ha eseguito il concerto n° 1 di Haydn per violoncello e orchestra (solista e direttore M° Bronzi) e la sinfonia n° 5 di Schubert diretta dal M° Lonquich.
Nel giugno 2012 ha vinto il primo premio al concorso di Firenze “Premio Crescendo”. Collabora stabilmente con l’orchestra filarmonica del Teatro Comunale di Bologna avendo vinto l’audizione tenutasi i primi di dicembre del 2012. Ha tenuto di recente una tournèe in formazione di duo e di trio a Vancouver con la pianista Lixia Li e con il violoncellista Lee Duckles, primo violoncello della V.S.O. (Vancouver Symphony Orchestra).
Ha interpretato come violino solista la parte ad esso dedicata delle composizioni musicali di Adriano Guarnieri, Cesare Augusto Grandi, Cristina Landuzzi e Davide Anzaghi, scritte appositamente per l’azione lirica-melologo Res Humana, eseguita in prima assoluta al teatro di Cagli il 28 giugno 2014. Da settembre 2014 frequenta il corso di Musica da Camera all’Accademia di Imola sotto la guida del M° Nazzareno Carusi. Il 27 febbraio 2015 ha conseguito il diploma accademico di secondo livello di violino presso il Conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara con il massimo dei voti, lode e menzione speciale.
È primo violino del Quartetto Outis, costituitosi nel 2015, ha vinto una tournée di concerti promossa dal CIDIM su segnalazione di Danusha Waskiewicz con la quale il Quartetto ha collaborato intensamente nell’ambito dell’Accademia Mozart di Bologna, istituzione che ne ha molto incentivato e ne incentiva tuttora l’attività.
È la violinista del Trio di Imola il quale ha vinto il primo premio al concorso di Rimini nel marzo 2016, il primo premio assoluto all’ “European Music Competition Città di Moncalieri” nel novembre 2016 e il primo premio al concorso internazionale “Musica Insieme 96” di Asti nel maggio 2017. Il Trio tiene numerosi concerti in Italia e all’estero presso diverse stagioni concertistiche tra cui la prestigiosa Società dei Concerti di Milano per la quale ha suonato il 30 ottobre 2017 all’Auditorium Gaber.
Inoltre è primo violino della WunderKammer Orchestra, progetto culturale nato da un’idea del Maestro pianista e compositore Paolo Marzocchi per portare la musica sinfonica e il teatro musicale dove normalmente un’orchestra non può arrivare.

 


 

Maria Cristina Mazza

Nata in Germania, inizia gli studi al Konservatorium der Stadt Darmstadt (Germania) e prosegue poi alla Aarhus Cello Academy in Danimarca.
Successivamente studia al Conservatorio G. Verdi di Milano con R. Filippini, dove si diploma con il massimo dei voti nel 2003.
Ritorna poi in Germania per frequentare un Master di perfezionamento alla Hochschule für Musik Stuttgart e, tra 2005 e il 2007, fa ritorno a Milano per frequentare il biennio di specializzazione al Conservatorio G. Verdi. Contemporaneamente, tra il 2002 e il 2008, si perfeziona anche all’Accademia Stauffer di Cremona.
Ha partecipato ai corsi di perfezionamento dell’Accademia Chigiana, del Campus Internazionale di Musica, del Festival delle Nazioni e del Trio di Trieste a Duino.
Ha inoltre frequentato le masterclass dei maestri Berger, Brandstrup, Brunello, Canino, De Rosa, Dindo, Georgian, Lonquich, Meunier e Meyer.
Si è ulteriormente perfezionata con E. Bronzi e con il celebre quartetto Melos.
Appassionata camerista, ha svolto intensa attività cameristica in tutta Europa, in Asia e America, collaborando con svariate istituzioni tra cui La Società dei Concerti di Milano, Gli Amici del Loggione del Teatro alla Scala, la Società Umanitaria nonché con il Mozarteum Argentino e la Fundacion Beethoven cilena.
Sempre in veste cameristica ha partecipato inoltre a manifestazioni di rilievo quali le serie Musik in der Kunst di Berlino, Interkonzerte del Mozarteum Salzburg, il Festival Mito, Ravenna Festival, Festival dei due mondi Spoleto, il Festival di San Gimignano, Milano Musica e la serie Incontri con il Maestro.
Per la Stradivarius ha inciso l’op.47 di Schumann.
Parallelamente ha portato avanti la sua carriera orchestrale, esibendosi nei più importanti teatri d’Italia (Teatro alla Scala, San Carlo di Napoli, Maggio Musicale fiorentino, Parco della musica e Opera di Roma) ed esteri (Musikverein e Konzerthaus di Vienna, Grosses Festspielhaus Salisburgo, Alte Oper Francoforte, Tonhalle di Zurigo, Teatro Colon di Buenos Aires, NCPA di Pechino, Tata Theatre Mumbai, Rose Theatre NY) sotto la direzione di Maestri quali Muti, Masur, Maazel, Temirkanov, Abbado e Chailly.
Tra il 2004 e 2008 è stata membro dell’Orchestra Luigi Cherubini di R. Muti e dal 2009 al 2016 ha ricoperto il ruolo di concertino dei violoncelli del Teatro Petruzzelli di Bari.
Fa inoltre parte della Cello Academy, orchestra di 12 violoncelli provenienti da tutta Europa.
Trasferitasi recentemente a Parma per motivi familiari, è ora felice di potersi nuovamente dedicare alla sua più grande passione – la musica da camera.

 


 

Marianna Tongiorgi

Nata a Piombino nel 1993 si è diplomata nel 2011 con la votazione di 10 e lode in pianoforte sotto la guida di Alessandro Gagliardi e di Daniel Rivera presso l’Istituto pareggiato “P. Mascagni” di Livorno.
Vincitrice di più di 20 concorsi nazionali e internazionali, nel 2012 ottiene il 2° premio in entrambe le categorie giovanili del concorso pianistico internazionale “F. Chopin” di Roma.
Ha frequentato masterclass con Piernarciso Masi, Alan Weiss e Lilya Zilberstein presso l’Accademia Chigiana.
Sotto la guida di Marcella Crudeli nel giugno 2013 consegue in solo un anno il diploma di Corso Superiore (biennale) presso la Schola Cantorum di Parigi.
Si è diplomata in Musica da Camera sotto la guida di Nazzareno Carusi presso l’Accademia Pianistica Internazionale “Incontri col Maestro” di Imola dove collabora da tre anni con le classi di flauto di Andrea Oliva, Andrea Manco e Maurizio Valentini.
Si è diplomata in Musica da Camera sotto la guida di Giampaolo Pretto presso la Scuola di Musica di Fiesole.
In qualità di collaboratrice pianistica è stata convocata presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e presso l’Accademia Internazionale ICONS di Novara ed ha accompagnato corsi di perfezionamento di musicisti internazionali come Carlo Maria Parazzoli, Daniele Orlando, Calogero Palermo, Simone Simonelli, Francesco Loi, Paolo Taballione e Sir James Galway.
Nel 2016 risulta vincitrice della sezione Musica da Camera al concorso “Città di Riccione” in formazione di duo (pianoforte e violino) e di trio (pianoforte, violino e violoncello).
Nel 2017 come pianista del Trio di Imola vince la sezione Musica da Camera al Concorso Europeo di Moncalieri e al concorso “Musica Insieme” di Asti.
Ha inoltre tenuto concerti nelle maggiori città italiane sia come solista sia in formazioni da camera (duo pianoforte-flauto, duo pianoforte a quattro mani e trio pianoforte, violino e violoncello).
È regolarmente invitata in giurie di concorsi musicali italiani.