CHI SIAMOSOSTIENI APPASSIONATA5 X MILLEARCHIVIO STAGIONIRASSEGNE STAMPACONTATTI e NEWSLETTER

Samson Tsoy con il Quartetto delle Marche
Samson Tsoy con il Quartetto delle Marche

martedì 25 febbraio 2020 - ore 21

Teatro Lauro Rossi Macerata

Samson Tsoy
pianoforte

David Taglioni
violino

Giuditta Longo
violino

Aurelio Venanzi
viola

Andrea Agostinelli
violoncello

 

César Franck (1822 - 1890)
Quintetto per pianoforte e archi in fa minore

* * *

Antonín Dvořák (1906 - 1975)
Quintetto per pianoforte e archi N.2 in la maggiore Op.81

 



 

Quartetto delle Marche

Il Quartetto delle Marche nasce nel 2009 dalla passione che i suoi quattro componenti hanno sempre nutrito per il Quartetto d'Archi, formazione considerata la regina della musica da camera. I suoi componenti vantano una intensa attività concertistica in varie formazioni, dal duo al sestetto; alla musica da camera hanno da sempre affiancato collaborazioni con orchestre come l'Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, l'Orchestra del Petruzzelli di Bari, l'Orchestra da Camera di Mantova, i Solisti di Pavia, i Solisti Aquilani, l'Orchestra Filarmonica Marchigiana, l'Orchestra Internazionale d’Italia, l'Orchestra Sinfonica Rossini di Pesaro, l'Orchestra Verdi di Milano, l'Orchestra da Camera di Bologna dove spesso hanno ricoperto il ruolo di prime parti.
Il Quartetto delle Marche affronta il vasto repertorio con umiltà e devozione, arricchendo spesso le esecuzioni con idee nuove frutto di una ricerca musicale costante e appassionata. L'intento è quello di contribuire alla più ampia diffusione della musica quartettistica nello spirito della condivisione e del coinvolgimento emotivo.
Fanno anche parte del repertorio del Quartetto pagine di autori Marchigiani dimenticati ma che hanno operato in tutta Europa come Venanzio Rauzzini, Luigi Tomasini e Lino Liviabella.
Il Quartetto delle Marche è presente nelle stagioni concertistiche delle più importanti associazioni musicali, riscuotendo sempre consensi di pubblico e di critica.

 


 

David Taglioni

Si è diplomato presso il Conservatorio Rossini di Pesaro studiando privatamente con i Maestri Mario Ardito e Georg Monch; frequenta i corsi di formazione orchestrale e di musica da camera alla Scuola di musica di Fiesole nel 1985 partecipando ai concerti e alla tournee della Orchestra Giovanile Italiana; nel 1987 frequenta i corsi della Accademia Chigiana di Siena con il Trio di Trieste. È socio fondatore della Orchestra Filarmonica Marchigiana dove, ricoprendo ruoli di concertino dei primi, primo dei secondi e violino solista, partecipa alla sua attività sinfonica e lirica. Collabora altresì saltuariamente con l'Orchestra della Accademia Nazionale di S. Cecilia, Orchestra Internazionale d'Italia e Orchestra da camera delle Marche. Si esibisce in diverse formazioni cameristiche duo, trio, quartetto con pianoforte, ma la sua grande passione è il Quartetto d'archi e nel 2007 costituisce insieme ai suoi amici il Quartetto delle Marche.

 


 

Giuditta Longo

Si è diplomata con il massimo dei voti e la lode presso l'Istituto Musicale Pareggiato Paisiello di Taranto sotto la guida del Maestro Anna Maria D'Andria. Ha tenuto numerosi concerti come solista con il doppio concerto di Mendelsshon per violino e pianoforte. Nel 1992 diventa Primo violino di spalla della Orchestra Giovanile Italiana perfezionandosi in musica da camera con i maestri Nannoni, Skampa e Faja. Nel 1994 entra a far parte della Orchestra Sinfonica Verdi di Milano suonando con direttori quali Delman, Noseda, Nazareth. Entremont e Renzetti. Collabora con l'Orchestra Regionale della Puglia, della Magna Grecia e del Petruzzelli di Bari. Dal 1995 entra a far parte della Orchestra Filarmonica Marchigiana dove ricopre anche il ruolo di primo dei secondi. Segue nel frattempo i corsi di perfezionamento dei maestri Vernikov, Grubert e Prencipe. Nel 2002 è stata assistente di Igor Oistrach allo stage di Taranto. Dal 1998 insegna violino presso l'Istituto Musicale "G. Paisiello" di Taranto.

 


 

Aurelio Venanzi

Nato in Ancona, si è diplomato presso il Conservatorio "G. Rossini" di Pesaro con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di Antonio Bigonzi, quindi si è perfezionato con Franco Gulli per il violino e con Donato Renzetti per la direzione d'orchestra. È stato vincitore assoluto di vari concorsi strumentali nazionali e internazionali in duo con chitarra e con pianoforte; fa parte dell'Orchestra Filarmonica Marchigiana fin dalla sua fondazione. Ha fatto parte altresì dell'Orchestra della Jeunesses Musicales, dell'Orchestra da Camera di Mantova, dell'Orchestra Internazionale d'Italia, dell'Orchestra Rossini di Pesaro e dell'Orchestra da Camera di Bologna con le quali si è esibito, in qualità di primo violino, prima viola e solista, nelle principali sale e teatri, in Italia e all'estero e collaborando con artisti quali S. Mintz, F. Gulda, A. Piazzolla, N. Kennedy, L. Pavarotti ecc. Collabora con svariate formazioni cameristiche dal duo al sestetto. È docente di violino presso il Conservatorio "G. Rossini" di Pesaro.

 


 

Andrea Agostinelli

Si è diplomato con il massimo dei voti presso il Conservatorio "G. Rossini" di Pesaro sotto la guida del Maestro Sante Amadori per poi perfezionarsi con il Maestro Franco Maggio Ormezovsky ed il Maestro Enrico Dindo. Musicista eclettico, la sua intensa attività spazia dalle collaborazioni in orchestra come 1° Violoncello alla musica da camera che, in varie formazioni, lo ha portato a calcare importanti palcoscenici in tutto il mondo. Nel 2003 ha partecipato al concerto "Otto celli con Enrico Dindo" alle Settimane Musicali di Stresa e dal 2004 è membro della prestigiosa orchestra "I Solisti di Pavia" con la quale collabora anche come prima parte. Insegna violoncello presso l'Istituto Musicale "G. Paisiello" di Taranto. Suona un bellissimo strumento francese della metà del XIX secolo..

 


 

Samson Tsoy

Samson Tsoy, pianista nato in Kazakistan, descritto come "il più promettente" dalla rivista BBC Music, ha aperto la stagione 2019-2020 con una recensione a 5 stelle sull'Independent che ha definito il suo come "un concerto da camera bello in modo sbalorditivo". Tsoy si è guadagnato il plauso internazionale quando è stato insignito della Santander Paloma O’Shea International Piano Competition.
È risultato vincitore anche della 9a Campillos International Piano Competition, della Medaglia Milstein nella categoria "pianoforte", già City Music Foundation Artist e beneficiario dell'Imogen Cooper Music Trust.

Samson conquista le platee a livello mondiale regalando al pubblico esibizioni acclamate anche dalla critica. Nell'ultima stagione ha debuttato con la BBC Symphony Orchestra diretta da Alexander Vedernikov e la Mariinsky Orchestra per la direzione di Valery Gergiev. Sempre lo scorso anno si è esibito in numerosi fra i festival più prestigiosi, fra i quali Aldeburgh Festival, Kilkenny Arts Festival, Theatre de la Ville a Parigi e Mozartiade a Siviglia.
Le sue più recenti apparizioni lo hanno visto in tournée insieme alla Philharmonia Orchestra’s Stravinsky: Myths&Rituals al Royal Festival Hall per la direzione di Diego Masson, la Real Filharmonía de Galicia con Juanjo Mena sul podio, la Calgary Philharmonic Orchestra con Roberto Minczuk, Berlin’s Konzerthaus, Salle Gaveau a Parigi, la Sala Verdi a Milano, al Montreaux Septembre Musical Festival, al Verbier Festival, al Plush Festival, all'Honens Festival e al Rostropovich Festival.

Fra gli eventi da segnalare in questa stagione ci sono i recital e le esibizione con orchestra alla Wigmore Hall, alla Queen Elizabeth Hall, alla Great Hall del Conservatorio Tchaikovsky di Mosca, al Mariinsky Theatre, e al Theatre de la Ville.

Samson si è laureato al Conservatorio Tchaikovsky di Mosca e al Royal College of Music di Londra. Ha studiato anche sotto la guida di Maria João Pires e di Elisabeth Leonskaja. Samson si esibisce regolarmente anche con il pianista Pavel Kolesnikov. Insieme, nel settembre del 2019, hanno lanciato un Ragged Music Festival nella East London che "ha sicuramente un brillante futuro" (***** The Independent, Michael Church).