CHI SIAMOSOSTIENI APPASSIONATA5 X MILLEARCHIVIO STAGIONIRASSEGNE STAMPACONTATTI e NEWSLETTER
Trio Wanderer
Trio Wanderer
mercoledì 07 marzo 2018 - ore 21
Teatro Lauro Rossi Macerata

Vincent Coq
pianoforte

Jean-Marc Phillips-Varjabédian
violino

Raphaël Pidoux
violoncello

Photo © Francois Sechet

Franz Schubert (1797-1820)
Trio n.1 in si bemolle maggiore op.99
Allegro moderato - Andante un poco mosso - Scherzo. Allegro. Trio - Rondò. Allegro vivace

* * *

Pëtr Il’ič Čajkovskij (1840-1893)
Trio in la minore op.50
1. Pezzo elegiaco
Moderato assai. Allegro giusto
2. Tema con variazioni
Tema (Andante con moto) - Variazione I (L’ istesso tempo) - Variazione II (Più mosso) - Variazione III (Allegro moderato) - Variazione IV (L’istesso tempo) - Variazione V (L’istesso tempo) - Variazione VI (Tempo di Valse) - Variazione VII (Allegro moderato) - Variazione VIII (Fuga: Allegro moderato) - Variazione IX (Andante flebile, ma non tanto) - Variazione X (Tempo di Mazurka) - Variazione XI (Moderato) - Variazione finale e coda (Allegro risoluto e con fuoco. - Andante con moto. Lugubre)

 



 

Trio Wanderer

Il Trio Wanderer porta non a caso il proprio straordinario nome con orgoglio: il nome "Wanderer" si pone come omaggio a Schubert e piu ampiamente al Romanticismo Tedesco che spesso fa riferimento al leitmotiv del "viaggio delle meraviglie". I tre musicisti francesi del Trio, sono come viaggiatori delle meraviglie, avidi di scoperte e intellettualmente aperti, volti all' esplorazione del Mondo, essi spaziano musicalmente con eccelsa versatilità da Mozart ad Haydn fino ai compositori contemporanei. Acclamati per il loro stile straordinario e sensibile, uniti da un sentimento quasi telepatico, e internazionalmente ammirati per la loro maestria tecnica, il Trio Wanderer è indubitabilmente una delle ebsembles cameristiche di maggior fama al mondo.

Gli elementi costituenti il Trio Wanderer sono tutti diplomati presso il Conservatorie National Superieur de Musique di Parigi. Nell'ambito della stagione 1989/90, hanno proseguito i propri studi presso la Bloomington's School of Music e presso la Juilliard School di New York. Nello stesso periodo, hanno preso parte a numerose master classes con Maestri del livello di: Jean Claude Pennetier, Jean Hubeau, Janos Starker, Menahem Pressler del Trio Beaux Arts, e dell' Amadeus Quartet.

Nel 1988 hanno vinto la ARD Competition a Monaco e nel 1990, la Fischoff Chamber Music Competition negli Stati Uniti.

Definiti come "Wandering Stars" da Strad Magazine, il trio si è esibito presso sale di fama mondiale: Berlin's Philarmonic, Teatro degli Champ Elysees di Parigi, Wiener Musikverein, London Wigmore Hall, Teatro alla Scala di Milano, Palau de la Musica di Barcellona, Washinton Library of Congress, Teatro Municipal di Rio de Janeiro, Tokyo Kioi Hall, Zurich Tonhalle, Royal Concertgebouw Hall Amsterdam.

Inoltre appaiono regolarmente presso Festivals di grandissimo richiamo: Edimburgo, Montreaux, Feldkirch, Schlewig Holstein, Rheingau Musiksommer, Colmar, La Roque d'Antheron, le Folles Journees de Nantes, Granada, Stresa, Osaka, Salisburgo.

Hanno collaborato in numerose occasioni con artisti quali Yehudi Menhuin, Christopher Hogwood, James Loughrn, Faysal Karoui, Marco Guidarini, Francois Xavier Roth, Jose Arean, Charles Dutoit e James Conlon, accompagnati in triplo o doppio concerto da orchestre di tutto rilievo: di Tolosa, Nizza, Pau, Montpellier, Liegi, Santiago del Cile, La Coruna, Tenerife, la Les Siecles Orchestra, Radio France Orchestre National e Orchestre Philarmonique, Malasyan Philarmonia Orchestra, Orquestra Sinfonica de Mineria, Berlin Radio Symphonic Orchestra, Sinfonia Varsovia, Graz Philarmonic Orchester, Koln Gurzenich Orchester, Orchestra da Camera di Stoccolma.

Dopo aver prodotto due CD con la Sony Classical, il Trio Wanderer dàvita ad una nuova partenership con la Harmonia Mundi nel 1999. Fino ad allora venti incisioni erano state realizzate: Chausson Ravel, Haydn, Shostakovich, Copland, Saint Saens, Mendelssohn, Smetana, l'integrale dei Trii per pianoforte di Schubert e Brahms, il Quintetto “La Trota” di Schubert, il Quintetto di Hummel, il Triplo Concerto diretto da James Conlon, e opere di Listz e Messiaen.

Nel 2005 un nuovo CD dedicato al Triplo Concerto di Martinu e' stato realizzato per l'etichetta Capriccio.

Il Trio Wanderer ha inoltrerealizzato numerosi lavori di Thierry Scaich (Lettrees Melees, 2004), Bruno Mantovani (Huits Moments Musicaux, 2008), Frank Michael Beyer (Lichtspuren, 2008 ), Matteo Franceschini (Triple Concerto "Ego" 2011), Philippe Hersant (Chant de l' Isole per piano trio, percussioni e orchestra d'archi, 2014). Questa straordinaria collaborazione ha peraltro prodotto incisioni con l'etichetta Universal: (brani di Thierry Escaich), e Mirare (Mantovani, inciso nel 2012).

L'auspicato incontro con il baritono australiano Wolfgang Holzmair, conduce il Trio ad incidere le canzoni popolari di Beethoven, Haydn e Pleyel, per conto dell'etichetta Cypress nel 2009.

Nel 2012 il Trio per pianoforte di Beethoven è stato inciso per conto dell'etichetta Harmonia Mundi, seguito nel 2013 dal Trio per pianoforte di TCHAIKOVSKY op. 50 a dall'Arensky Piano Trio op.32, ricordiamo infine i Trii per pianoforte di Faure' e Pierne' nel 2014 e nel 2016 e un'incisione dedicata a Brahms (Trio op. 8 1854 e Piano Quartet op.60).

Le loro incisioni sono state insignite di numerosi premi e riconoscimenti, inclusi lo Choc du Monde de la Musique, Fanfare Want Listz, Critic's Choice of the Gramophone, CD of the Month dalla rivista BBC Music Magazine, Klassik. Com Empfelhung, CDS de Monat Fono Forum , Diapason d'Or of the Year, Midem International Classical Music Award.

Il New York Times ha definito la loro interpretazione del Trio per pianoforte di Mendelssohn come un nuovo punto di riferimento in seno al panorama musicale classico. Ulteriore riconoscimento è stato dato dall'inserimento dell'esecuzione del Quintetto 'La Trota' di Schubert e il Quintetto di Hummel nel Forbes's top quality Music Library.

Attraverso le numerose incisioni realizzate tramite radio e televisone (Radio France, BBC, ARD, Mezzo), la compagnia televisiva franco - tedesca ARTE ha realizzato un film sul Trio Wanderer trasmesso nel Giugno 2003.

Nel Giugno 2016 hanno registrato per la rete nazionale francese France 2, tre puntate dedicate a Mendelssohn, Messiaen e Schubert.

Apprezzatissimo a livello internazionale, il Trio Wanderer è stato insignito per la terza volta nel febbraio 2009 (precedentemente nel 1997 e nel 2000) con la Victoire de la Musique quale miglior ensemble dell'anno.

Nel 2014 Jean Marc Philips - Varjabedian e Raphael Pidoux ottengono la cattedra di Professore di violino e di violoncello presso il Conservatorio Nazionale di Musica e Danza di Parigi.

Vincent Coq è Docente di Musica da camera alla Haute Ecole de Musique di Losanna sin dal 2010.

Nel 2015 il Trio Wanderer è stato insignito insignito del Cavalierato dell' Ordine delle Arti e delle Lettere.

Jean Marc Philips - Varjabedian suona un violino di Pietro Guarnieri (Venezia, 1748). Raphael Pidoux suona un violoncello di Goffredo Cappa. (Saluzzo, 1680).